Winding Sticks

Da GianlucaF, 19 Feb 2019.

Risposte 9, Visite 785

 

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo

 

Da GianlucaFSesso: Uomo Inviato: Mar 19 Feb, 2019 14:38 #1
 
avatar

Registrato: Mag 2018

Messaggi: 337

Età: 33

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

Sicuramente tanti di voi sanno di cosa sto parlando, ma pochi ne fanno uso. Con le pialle filo/spessore sono decisamente inutili.
Come da titolo dell'argomento, sto parlando dei Winding Sticks.
Mi sono divertito, sulla base delle indicazioni di Paul Sellers, a realizzare la mia coppia di bastoncini per il livellamento. Ho utilizzato come essenza principale iroko, con inserti di frassino e wengè. Sicuramente avrei potuto fare di meglio, ma essendo una delle mie prime realizzazioni mi ritengo grossomodo soddisfatto. Il tutto è stato fatto senza l'ausilio di materiale elettrico, fori compresi.
Ecco alcune immagini delle fasi di lavorazione, a partire dallo "sfettamento" di un paletto di iroko.


 a_1550583380_146126

 b_1550583398_491230  

c_1550583401_582932  

d_1550583404_337442  

e  


La finitura con olio di lino cotto

f  

g
 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Mar 19 Feb, 2019 15:12 #2
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 15194

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

GianlucaF ha scritto: 
Sicuramente tanti di voi sanno di cosa sto parlando, ma pochi ne fanno uso. Con le pialle filo/spessore sono decisamente inutili.
Come da titolo dell'argomento, sto parlando dei Winding Sticks.
Mi sono divertito, sulla base delle indicazioni di Paul Sellers, a realizzare la mia coppia di bastoncini per il livellamento. Ho utilizzato come essenza principale iroko, con inserti di frassino e wengè. Sicuramente avrei potuto fare di meglio, ma essendo una delle mie prime realizzazioni mi ritengo grossomodo soddisfatto. Il tutto è stato fatto senza l'ausilio di materiale elettrico, fori compresi.
Ecco alcune immagini delle fasi di lavorazione, a partire dallo "sfettamento" di un paletto di iroko.
 


Io no!

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 
Da zoki4691Sesso: Uomo Inviato: Mar 19 Feb, 2019 15:31 #3
 
avatar
Galleria Personale

Registrato: Settembre 2013

Messaggi: 3570

Età: 55

Residenza: yugoslavia.png

Regione: Lombardia

Provincia: Milano (MI)

Fatto bene.  Preciso.
Solo,  che io sono come Giuseppe,  e mi domando a che serve?
Scusa,  non ho mai sentito nominare...
 
Da GianlucaFSesso: Uomo Inviato: Mar 19 Feb, 2019 15:33 #4
 
avatar

Registrato: Mag 2018

Messaggi: 337

Età: 33

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

lapin ha scritto: 

Io no!

Questi due bastoncini servono a rilevare la presenza di torsioni lungo delle tavole che si vuole piallare. Con questa immagine potrebbe essere più chiaro:

 pict01091

Devono essere necessariamente più lunghi della larghezza delle tavole che si vuole appianare; in questo modo si esalta l'eventuale torsione risultando più semplice individuare le zone che necessitano di ulteriore lavoro di piallatura.
La caratteristica fondamentale è la perfetta planarità dei due bastoncini. Invece gli inserti di legni colorati non sono indispensabili, ma aiutano ad esaltare l'eventuale differenza di inclinazione e sono molto più piacevoli esteticamente
 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Mar 19 Feb, 2019 16:08 #5
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 15194

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Pensavo fosse sufficiente usare una livella od una staggetta in alluminio

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 
Da jhl-veronaSesso: Uomo Inviato: Mar 19 Feb, 2019 21:45 #6
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Ottobre 2010

Messaggi: 6344

Età: 60

Residenza: uk.png

Regione: Veneto

Provincia: Verona (VR)

lapin ha scritto: 
Pensavo fosse sufficiente usare una livella od una staggetta in alluminio

Può darsi. Ma costruili è un ottimo esercizio di precisione, anche usando pezzi di scarto. Il più semplice sarebbe due bastoni di due essenze di colore diverse.

Bel lavoro, complimenti.

John

____________
Più imparo, più dubito.

 
Da GianlucaFSesso: Uomo Inviato: Mar 19 Feb, 2019 23:12 #7
 
avatar

Registrato: Mag 2018

Messaggi: 337

Età: 33

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

lapin ha scritto: 
Pensavo fosse sufficiente usare una livella od una staggetta in alluminio


Non penso sia proprio la stessa cosa. Con la staggetta si può valutare la planarità lungo le diagonali è vero, ma questo non ti garantirebbe l'assenza di torsioni. Andrebbe comparata la planarità delle diagonali con quella dei bordi e del centro tavola...ma la vedo più macchinosa come procedura.
 
Da GianlucaFSesso: Uomo Inviato: Mar 19 Feb, 2019 23:18 #8
 
avatar

Registrato: Mag 2018

Messaggi: 337

Età: 33

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

jhl-verona ha scritto: 

Può darsi. Ma costruili è un ottimo esercizio di precisione, anche usando pezzi di scarto. Il più semplice sarebbe due bastoni di due essenze di colore diverse.

Bel lavoro, complimenti.

John


Grazie, è vero, è stato un bell'esercizio, considerando che in realtà ho commesso un paio di errori.
 
Da davide1970Sesso: Uomo Inviato: Mer 20 Feb, 2019 08:40 #9
 
avatar

Registrato: Dicembre 2007

Messaggi: 5536

Età: 49

Residenza: italia.png cesena

Regione: Emilia Romagna

Provincia: Forlì-Cesena (FC)

Diciamo che quei bastoncini fanno "figo" ma a livello pratico sono pressoche inutili nella falegnameria moderna, concordo con quanto detto da Giuseppe ma anche con quanto detto da John che sono un buon esercizio amanuense; dobbiamo anche considerare che quei bastoncini a loro volta subiranno movimenti e torsioni   Io i pezzi da piallare li appoggio sul carro della squadratrice e decido poi come comportarmi in base alle loro caratteristiche. Comunque hai fatto un bel lavoro. Quelle code di rondine a che servono? Sono solo estetiche?

____________
"...ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!" (Mt 11,5-6)

 
Da GianlucaFSesso: Uomo Inviato: Mer 20 Feb, 2019 09:24 #10
 
avatar

Registrato: Mag 2018

Messaggi: 337

Età: 33

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

davide1970 ha scritto: 
Diciamo che quei bastoncini fanno "figo" ma a livello pratico sono pressoche inutili nella falegnameria moderna, concordo con quanto detto da Giuseppe ma anche con quanto detto da John che sono un buon esercizio amanuense; dobbiamo anche considerare che quei bastoncini a loro volta subiranno movimenti e torsioni   Io i pezzi da piallare li appoggio sul carro della squadratrice e decido poi come comportarmi in base alle loro caratteristiche. Comunque hai fatto un bel lavoro. Quelle code di rondine a che servono? Sono solo estetiche?


Concordo sulla loro inutilità nella falegnameria moderna. Con le pialle filo/spessore non esiste (quasi) il problema di verificare l'assenza di torsioni (Immagino che su tavole lunghe occorra comunque una verifica, e un piano rettificato come quello di una grande squadratrice assolve a pieno questo compito).
Nel mio garage, ancora troppo presto per chiamarlo laboratorio, senza l'ausilio di elettroutensili penso proprio che mi saranno utili. In realtà sto spianando delle tavole in noce e sto già adoperando i winding stck con reale validità.

Terrò conto del pericolo torsione dei winding stick stessi, la verificherò con una staggetta di alluminio.

Le code di rondine poste agli estremi aiutano "solo" a dar maggior risalto all'allineamento fra i due bastoncini per una questione cromatica. E sono anche belle esteticamente  
 

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo