Costruzione Banco di lavoro

Da lapin, 08 Giu 2019.

Risposte 57, Visite 3362

Vai a 1, 2, 3, 4  Successivo

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo

 

Da lapinSesso: Uomo Inviato: Sab 08 Giu, 2019 08:43 #1
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 14886

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Un saluto a tutti.
Sapete con quale grande piacere mi tocca aprire un post in questa sezione  
Purtroppo lo faccio raramente ma non certo per colpa mia, infatti il protagonista di questi post non sono io ma le due persone, junior e senior, che lo condurranno da ora in poi e quindi li ringrazio innanzi tutto per questa voglia di mettersi in gioco per realizzare qualcosa insieme a distanza.
Appunto, cosa si realizzerà? Non essendo Anglo-saxon come John sono meno schematico nell'esposizione del progetto  

Il progetto

Il progetto riguarda la costruzione di un Banco da lavoro, cosa appetita un po' da tutti ed indispensabile se si vuole lavorare con una certa sicurezza e precisione, soprattutto con utensili manuali.

I protagonisti.

Lo junior sarà Scalpellino, Toscano, fresco Arcanauta, molto a digiuno, secondo le sue affermazioni, delle tecniche necessarie alla realizzazione del progetto, ma sicuramente dotato di buona volontà ad apprendere.

Il senior, o tutor, sarà invece Robiwiller, Piemontese, che ha già dimostrato la sua bravura nel realizzare con perizia diverse cose.

Come da manuale i due si interfacceranno su queste pagine per portare avanti il progetto e ce lo faranno seguire passo-passo. Noi saremo spettatori interessati anche se, ovviamente, chiunque potrà intervenire, senza essere troppo invasivo però   , per fornire magari degli elementi nuovi e qualche suggerimento.

Quindi mi tolgo di mezzo e lascio ai due protagonisti di riempire queste pagine e farci seguire questo progetto con passione.

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 
Da NonnoTony48Sesso: Uomo Inviato: Sab 08 Giu, 2019 10:56 #2
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Novembre 2008

Messaggi: 9982

Età: 71

Residenza: australia.png Melbourne = Australia

Regione: Stato Estero

Provincia: -

Bene adesso mi siedero' in Prima fila a seguire questo progetto
Caffe' e Popcorn pronto!

Cheers Antonio

____________
Vivi Ogni giorno come fosse il tuo Ultimo-----Un Giorno lo sarà

 
Da PaquitoSesso: Uomo Inviato: Sab 08 Giu, 2019 17:03 #3
 
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2008

Messaggi: 5999

Età: 59

Residenza: blank.gif Scafati

Regione: Campania

Provincia: Salerno (SA)

NonnoTony48 ha scritto: 
Bene adesso mi siedero' in Prima fila a seguire questo progetto
Caffe' e Popcorn pronto!

Cheers Antonio


Anch'io, only coffee for me, please!

____________
Ciao, Pasquale.
Molto spesso è salutare e distensivo provarci si spera qualche volta riuscirci.

 
Da scalpellinoSesso: Uomo Inviato: Sab 08 Giu, 2019 17:26 #4
 
avatar

Registrato: Giugno 2019

Messaggi: 26

Residenza: blank.gif

Regione: Toscana

Provincia: -

cos'è questo profumino di popcorn?

Grazie a tutti per l'aiuto che mi date  

Al momento non c'è tanta carne sul fuoco perché mi sono arenato sul problema dell'affilatura degli scalpelli. Ho fatto il pessimo errore di non consultare gli esperti prima di acquistare gli attrezzi.

La pietra che sto usando adesso è praticamente inutile, perché incide il metallo molto lentamente. Anche oggi ho passato un'ora a strusciare uno scalpello (si, uno solo) su quella pietra ma non ho concluso niente. Il bisello è lucido come uno specchio, ma continua a non essere affilato.

A peggiorare la situazione, ho commesso un altro errore davvero grossolano e imbarazzante. Ogni volta che infilavo lo scalpello nella guida (questa qui per capirci)

 guida

usavo un righello per misurare la lunghezza dello scalpello, ma poi mi sono accorto che basta una frazione di millimetro per far cambiare l'angolo di affilatura. Infatti, se lo scalpello non sporge in maniera precisa ogni volta che uso la guida di fatto è come se rifacessi l'intero angolo al bisello, una perdita di tempo colossale.

Ho rimediato costruendomi una cosa del genere (grazie gugol   )

 jig

In questo modo dovrei garantire la consistenza degli angoli di affilatura.

Sto cercando di mettere da parte qualche soldino per prendermi una piastra diamantata per affilare decentemente gli scalpelli. Un grazie a lapin per avermi suggerito quale piastra prendere  

Per chi è appena arrivato, vi mostro rapidamente il disastro che ho combinato finora

 1  
 
 2
 
 3
 
 4
 
 5

Chiaramente quei due centimetri di tavola li taglierò per rifare tutto daccapo, anche perchéquelle spaccature dentro la coda di rondine non ispirano molta fiducia  
 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Dom 09 Giu, 2019 09:30 #5
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 14886

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Scusa Scalpellino ma quà occorre riempire il post con la costruzione di questo banco. Quindi bisogna che il Tutor si faccia vivo, vi scambiate le vostre considerazioni e diate inizio al progetto.
Per quanto riguarda il jig che hai costruito per l'angolo di affilatura non c'era alcun bisogno di andare a cercarlo in rete, infatti avresti trovato esempi a sufficienza sull'Arca.
Il Forum è una miniera preziosa di informazioni, basta cercarle quà e non altrove.  

ora azzeriamo tutti questi discorsi. Aspettiamo che Robiwiller, il tuo Tutor, si faccia vivo e cominciate a dialogare tra di voi.

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 
Da jhl-veronaSesso: Uomo Inviato: Dom 09 Giu, 2019 23:37 #6
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Ottobre 2010

Messaggi: 6336

Età: 59

Residenza: uk.png

Regione: Veneto

Provincia: Verona (VR)

lapin ha scritto: 
Un saluto a tutti.

Ciao.

lapin ha scritto: 
Non essendo Anglo-saxon come John sono meno schematico nell'esposizione del progetto  

Sono (quasi, forse pereniamente quasi) un comunitario-extra. VAAAII GIUSEPPE!!!! Che non devi mai guardare nella bocca di un cavalo donato (traduzione grezzo del provverbio dello Yorkshire).

Ah ma aspetta, non stai faccendo un bel niente. Sarà Roberto il senior. Ma guardo un pò... 'Sti promozione, e io non sapevo niente!  


Scalpellino (ti posso chiamare Scalp?) stai tranquillo che Roberto ti aiuta anche con i scalpelli.

Buon lavoro ragazzi! Faccio il tifoso per voi!

John

____________
Più imparo, più dubito.

 
Da robiwillerSesso: Uomo Inviato: Lun 10 Giu, 2019 00:00 #7
 
avatar

Registrato: Febbraio 2016

Messaggi: 130

Età: 60

Residenza: italia.png

Regione: Piemonte

Provincia: Alessandria (AL)

Buona sera,

con un po di ritardo ma eccomi qui. Innanzi tutto grazie per questa opportunità e grazie a scalpellino di avermi accettato come compagno di avventure. Il motivo di tutto ciò è che colgo questa occasione ancora una volta per imparare, ecco perchè vedo il mio Junior come un compagno e non come un allievo. Sicuramente avrò fatto qualche errore più di te, così accresce l'esperienza, ma ancora ne faccio e non ho ancora finito di imparare.
Come dico sempre poche parole, passiamo subito all'azione e ricordiamoci che una foto parla più di tante parole.
Hai già scritto molto, per questo motivo mi prendo il tempo per leggere con attenzione, le tue emozioni legnose, poi ti scriverò quali sono i miei pensieri, senza pretendere che vengano interpretati come la bibbia dal legno, saranno solo le mie emozioni.
Qui prenderai la tua strada ed io insieme a te, cercando di evitarti qualche sbaglio, daremo spazio all'infinità esperienza che risiede in questo sito, ascoltando i consigli dei veri maestri.
 
A presto

____________
Saluti
Roberto

"Sono nato nelle praterie, dove il vento soffia libero e non c'è nulla che ferma la luce del sole. Sono nato dove non c'erano costrizioni".
Geronimo

 
Da robiwillerSesso: Uomo Inviato: Lun 10 Giu, 2019 12:15 #8
 
avatar

Registrato: Febbraio 2016

Messaggi: 130

Età: 60

Residenza: italia.png

Regione: Piemonte

Provincia: Alessandria (AL)

Ciao Scalpellino,

ho letto con attenzione tutto quello che è stato scritto.
Mi prendo qualche riga, come preambolo per consolidare questo avvio di tutorato. Ho avuto la fortuna di nascere e crescere nel cortile del falegname del paese, fino a quando i miei ormoni non hanno annusato altri profumi, le essenze mi inebriavano. Ho passato molto tempo della mia infanzia nella bottega di Camillo (figura di altri tempi, reduce dalla ritirata di Russia, apprese l’arte della falegnameria proprio durante questa “passeggiata”), qui ho assimilato i primi rudimenti della lavorazione del legno. Poi mi sono dedicato ad altro, ma quanto visto in quel periodo mi ha permesso, nel momento in cui sono tornato a districarmi in questa arte, di avere un approccio molto pragmatico e di acquisire velocemente dimestichezza nella varie tecniche necessarie per la lavorazione del legno.
Sono ormai diversi anni, che per necessità o per passione, sono tornato alle origini del legno, avendo abbandonato per motivi di salute la mia altra grande passione, che è il motociclismo.

Non so se hai dato un’occhiata ai miei lavori, tra questi c’è anche in costruzione il banco da lavoro, ebbene si, anche io devo ancora costruirmi il vero banco da lavoro, ad oggi sto lavorando su un vecchio banchetto fatto in ferro da mio nonno, (era un meccanico e non falegname), e su un paio di quei banchetti morsa comprati per pochi euro in offerta in un brico (sto parlando di 9€ al pezzo).
Le mie priorità si sono concentrate sulle attrezzature, iniziando da quelle più economiche. Con il tempo e l’esperienza ho affinato la scelta sugli strumenti manuali/elettrici, ed oggi ho un discreto parco macchine, diciamo semiprofessionali.

Ho da subito sviluppato il parco degli elettroutensili, da poco mi sono approcciato all’uso di strumenti manuali, con l’aiuto di John, che ritengo necessario per il completamento del mio livello di apprendimento nell’ambito della lavorazione del legno. Anche il mio laboratorio non è ancora completato ed è in continuo sviluppo.

Non entro per il momento in altri dettagli, avremo tempo di conoscerci meglio durante questo percorso formativo, naturalmente visto che ho preso l’impegno sono a tua disposizione per qualsiasi dubbio domanda o altro, quindi puoi utilizzare i messaggi privati, sul mio profilo trovi anche il numero di cellulare (WhatsApp e molto più rapido nei momenti di sconforto) e la mia mail. Non siamo vicini di casa, ma se vuoi, il mio laboratorio e a tua disposizione per fare tutti gli esperimenti che ritieni necessari.

Sono pronto e tu mi sembri molto motivato, ti sono già stati dati buoni consigli, ritengo che il “super Banco da lavoro, sia oggetto di desiderio di molti ancora, e proprio perché se ne fa uno nella vita, deve racchiudere tutte le tecniche migliori della lavorazione del legno e non lo ritengo il primo manufatto su cui fare esperienza.
Il mio consiglio e di costruirti una stazione di lavoro, che può essere sviluppata sia per gli elettroutensili che per gli utensili manuali, ci sono molti esempi, infiniti su Youtube, ed uno molto semplice e funzionale sulla rivista LEGNOLAB, questo ti consentirebbe in poco tempo di avere un posto su cui lavorare decentemente e che potrà in futuro essere utilizzato per altri progetti. Poi qualche cavalletto, (puoi anche costruirteli con il legnaccio comprato al brico, e nel frattempo fai esperienza con mortase e tenoni). Un paio di banchetti a morsa, ma da spender poco, ti saranno sempre di aiuto, per renderli più stabili, basta metterci dei pesi.
Per quanto riguarda gli strumenti, anche qui devi prendere la tua strada e decidere dove investire, sapendo che gli utensili manuali, quelli buoni, non costano poco e presuppongono di conoscere le tecniche per mantenerli efficienti.
Per l’affilatura, con l’aiuto di John, in pochissimo tempo e spendendo pochissimi soldi ho raggiunto un livello che mi consente di lavorare decentemente. Leggi il post sull’affilatura degli scalpelli e se ci sono dubbi contattami in privato, è fondamentale capire quando uno scalpello è in grado di tagliare decentemente.
Mi raccomando le foto, altrimenti diventa tutto più difficile a distanza, poi un’idea di dove hai intenzione di predisporre la tua tana, non sarebbe male per darti ulteriori consigli.

Queste sono mie opinioni e non devono essere motivo di demotivazione per i tuoi obiettivi, prendi la tua decisione e procediamo, utilizzando questo post per il banco da lavoro. Per tutte le sfumature che si presenteranno, come detto puoi utilizzare gli altri canali.

Ho scritto davvero troppo, qualcuno sta già sbadigliando, passiamo all’operatività, sono in attesa dei tuoi input per iniziare questa avventura

____________
Saluti
Roberto

"Sono nato nelle praterie, dove il vento soffia libero e non c'è nulla che ferma la luce del sole. Sono nato dove non c'erano costrizioni".
Geronimo

 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Lun 10 Giu, 2019 12:39 #9
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 14886

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Bellissimo approccio. Ora aspettiamo il presente di Scalpellino :9

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 
Da scalpellinoSesso: Uomo Inviato: Lun 10 Giu, 2019 17:57 #10
 
avatar

Registrato: Giugno 2019

Messaggi: 26

Residenza: blank.gif

Regione: Toscana

Provincia: -

Eccomi, scusate se rispondo in ritardo, gli impegni a volte si accavallano tutti in una volta  

Citazione:
ti posso chiamare Scalp?

non c'è il rischio che mi possano scambiare per un sioux in cerca di scalpi?  

Scherzi a parte, va benissimo  

Robiwiller, grazie per la tua disponibilità. Avere un insegnante fa davvero tanta differenza. Io finora ho arraffato informazioni qua e la e ho fatto una marea di errori però ho imparato qualcosina  

Ho guardato molte volte i video di paul Sellers sul bancone che costruisce praticamente da zero; pure lui usa due cavalletti di legno su cui appoggiare il pianale laminato che poi usa come bancone provvisorio per costruire tutto il resto, e a guardarlo farre a lui SEMBRA facilissimo, ma in realtà non lo è per niente, specie se non si dispone di attrezzi adeguati

Il primo ostacolo che ho dovuto affrontare è l'affilatura degli scalpelli. Non che sia particolarmente difficile, ci vuole un po' di pazienza e di pratica per acquisire la manualità, ma ci vuole anche lo strumento giusto per affilare.

La carta vetrata costa troppo e se ne consuma troppa; le pietre ad acqua non sono tutte uguali, e se non si sa in partenza cosa comprare si rischia di fare il mio stesso errore. la pietra che ho preso io infatti non serve a granché, perché taglia il metallo molto lentamente. Da quanto ho visto in giro leggendo qua e la ci sono pietre della stessa granatura che tagliano molto più velocemente, ma alla fine dei conti affilare non può essere qualcosa che ti porta via due ore ogni volta che devi farlo.

La conclusione a cui sono arrivato è che il metodo migliore è quello di usare le piastre diamantate. Costano tanto, ma durano anche moltissimo nel tempo e soprattutto ti permettono di affilare gli strumenti velocemente per tornare in fretta al lavoro.

Avevo un po' di tempo libero questa domenica e ho speso un'altra oretta su uno scalpello. Ho limato il bisello con carta vetrata grana 120, e poi ho passato sulla pietra grana 1000 e infine sulla pietra grana 3000. Dopo un'ora di sudate ecco il risultato

 affilato

Mi ci sto avvicinando, adesso lo scalpello taglia ma non è un'affilatura perfetta perché in alcuni punti continua a strappare le fibre

--------

Prima di cimentarmi nel bancone vero e proprio avevo pensato di dedicarmi a un progetto meno impegnativo che serve a due scopi:

1) farmi fare pratica
2) ottenere un mini-banchetto su cui poter lavorare i pezzi per la costruzione del bancone definitivo

Il progetto su cui mi sono orientato è questo qui

 banchetto001

In teoria è molto semplice da realizzare, e anche se gli incastri non vengono perfetti non importa visto che sarà uno strumento di lavoro e non un mobile di lusso.

Il banchetto è composto da due parti uguali unite alla base. In pratica si tratta di tagliare due code di rondine a ciascuna estremità della tavola lunga per poi incastrarci le due tavole verticali.

In basso vanno tagliati due tenoni da inserire poi nelle mortase dei piedi del banchetto

Le due tavole laterali servono da rinforzo e sono fatte con una mezza coda di rondine (non sono sicuro che sia il nome corretto). Spero che le foto siano abbastanza esplicative

 banchetto001_1560181747_963129  banchetto002

In teoria il progetto sembra abbastanza facile da realizzare.

Nel mio progetto pensavo di fare il banchetto della lunghezza di 1 metro, in modo tale da potermici sedere sopra e avere abbastanza spazio davanti da poterci appoggiare dei pezzi da lavorare.
Non ho ancora ben chiari tutti i dettagli, ma sono abbastanza sicuro da poter usare dei morsetti per ancorare i pezzi al banchetto durante la lavorazione.

Che dici? è una perdita di tempo e conviene dedicarsi direttamente al bancone vero e proprio? Un paio di cavalletti e il pianale laminato come fa Paul Sellers?
 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Mar 11 Giu, 2019 07:54 #11
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 14886

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Per iniziare mi sembra un buon prospetto.
Secondo me, ma credo anche secondo il Tutor, dovresti farti uno schizzo, o disegno più preciso, vedi tu, di quello che vuoi realizzare con le misure. Un'idea va sempre abbozzata sulla carta

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 
Da robiwillerSesso: Uomo Inviato: Mar 11 Giu, 2019 11:03 #12
 
avatar

Registrato: Febbraio 2016

Messaggi: 130

Età: 60

Residenza: italia.png

Regione: Piemonte

Provincia: Alessandria (AL)

Scalpellino buon giorno.

Non dobbiamo vincere una gara, gli impegni giornalieri sono gravosi per tutti, non ti preoccupare se arrivi in ritardo, succederà anche a me.

Bene vediamo se posso darti una mano per risolvere le tue tribolazioni da apprendista stregone.  

Faccio una breve divagazione del tema centrale, per darti qualche dritta sugli scalpelli, tenendo presente che sei mesi fa, non sapevo niente di affilatura.
Da quello che descrivi qualcosa che non va c’è, nel senso che ci metti troppo tempo e il risultato da quanto dici non è soddisfacente. Mi sembra di aver capito che parti da scalpelli nuovi, che necessitano di affilatura. In questo caso sono sufficienti due massimo tre passaggi, patendo da una grana 800 per arrivare alla pietra da 3000, Tempo stimato compreso sigarettino e grappino ½ di media. Se lo scalpello è particolarmente rovinato partendo, se necessario, da una grana 80/100, penso un’ora. Dopo la prima affilatura, sempre ammesso che lo scalpello non abbia trovato qualche chiodo o altro, in dieci minuti si riprende il filo, facendo solo l’ultimo passaggio sulla pietra ed eventualmente la lappatura con la pasta abrasiva.

Non conosco le pietre diamantate, ho preso un’altra strada perché troppo costose, ma i risultati ottenuti con la mia attrezzatura, che puoi vedere nel post, sono ottimi per le mie esigenze. Io affilo con un angolo di 25° che è lo standard della maggior parte degli scalpelli che si trovano in commercio, in caso di legni duri faccio un micro-bevel da 30°. Se strappa vuol dire che non è affilato, oppure non stai utilizzando la tecnica giusta nell’uso dello scalpello, ma potrebbe essere anche il legno molto fibroso.
Passare da grana 120 alla pietra da 1000 è un bel salto ed è normale che tu ci metta tempo, prova a fare uno o due passaggi intermedi con grana 400/800. Anche il consumo di carta mi sembra anomalo, parli di km ma sono sufficienti cm per diversi scalpelli. Oltre alla sporgenza dalla guida dello scalpello è importante mantenere sotto controllo l'angolo di 90° dello scalpello rispetto alla guida che utilizzi per l'affilatura.

PS Metti le foto dello scalpello e non del legno, così possiamo riflettere sulla causa e non sul risultato.

Se ritieni necessario approfondire questo tema, oltre alla documentazione già esistente nel Forum, nessun problema, ma credo sarà necessario aprire un altro post, Giuseppe ci dirà come procedere.

Passiamo al banco.

Apprezzo e condivido la tua decisione di iniziare con qualcosa di semplice, sul modello non faccio commenti, deve essere utilizzabile da te per i tuoi scopi. Come già indicato da Giuseppe, inizia a fare uno schizzo di massima su cui ragionarci e poi vediamo come procedere. Siccome non sarà propriamente un banco ma un cavalletto su cui lavorare seduti, prevedi comunque di attrezzarti, con un paio di cavalletti, un piano di lavoro a 80/85 cm di altezza per lavorare in piedi. Per avere subito un punto morsa, senza spendere dei capitali, puoi acquistare una morsa da banco girevole, 30/40€, fare un mini banchetto 50x50 cm e tassellarlo al muro. La morsa potrai recuperarla da mettere sul banco e il banchetto ti rimarrà per eventualmente fare da supporto a un trapano a colonna da banco o a una mola per l’affilatura.
Da quello che ho letto non hai molta attrezzatura a disposizione, don’t worry, vedremo come affrontare le lavorazioni in base al tuo progetto e cosa sarà eventualmente necessario acquistare.

Buon lavoro

____________
Saluti
Roberto

"Sono nato nelle praterie, dove il vento soffia libero e non c'è nulla che ferma la luce del sole. Sono nato dove non c'erano costrizioni".
Geronimo

 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Mar 11 Giu, 2019 13:16 #13
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 14886

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Se ritieni necessario approfondire questo tema, oltre alla documentazione già esistente nel Forum, nessun problema, ma credo sarà necessario aprire un altro post, Giuseppe ci dirà come procedere.

Ritengo che sull'affilatura di lame da pialla e scalpelli siano già state scritte pagine e pagine di tutorial. Non mi sembra il caso di crearne altre che non credo possano aggiungere nulla.
Direi che i due tutorial con partecipazione di John, Robiwiller ed il sottoscritto in questa medesima sezione, siamo piuttosto esaustivi e rimanderei alla loro lettura.

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 
Da scalpellinoSesso: Uomo Inviato: Mar 11 Giu, 2019 21:56 #14
 
avatar

Registrato: Giugno 2019

Messaggi: 26

Residenza: blank.gif

Regione: Toscana

Provincia: -

Eccomi, sono ancora qui  

Ho sudato 15 camicie per cercare di disegnare qualcosa ma pure lo sketchup per me è un grosso ostacolo... per disegnare solo quei 3 pezzi ci ho messo un'ora  

Siccome non sono riuscito a far funzionare lo sketchup come dovrebbe,  quelle che io ho disegnato quadrate dovrebbero essere in realtà delle cose di rondine. Perdonatemi, ma dopo mezz'ora di tentativi ci ho rinunciato (non ne valeva la pena).

Se questo schema non è abbastanza chiaro, l'unica alternativa che mi viene in mente è disegnarlo su un pezzo di carta e fotografarlo, ma così mi sembrava più chiaro

 sketchup
 sketchup_1
 sketchup_2

Non avevo voglia di impazzire per un'altra ora a capire come disegnare un tenone, quindi ho lasciato solo la linea, ma spero che sia chiaro che nella tavola verticale in basso c'è un tenone che poi andrà inserito nelle mortase scavate nei "piedi" del banchetto.

I piedi non li ho disegnati perché lo skethcup ha cominciato a fumare, ma spero che abbiate comunque capito come funziona il tutto (le foto del banchetto che ho messo in precedenza mi sembrano molto chiare)

Il legno che ho disponibile al momento ha un spessore di 25 mm. Le tavole orizzontali sono lunghe un metro, mentre quelle verticali sono lunghe 50 cm. La larghezza di tutte le tavole è di 125 mm

Spero che queste informazioni siano sufficienti a dare un'idea del progetto  

A proposito degli scalpelli, si, sono un set "economico" comprato su amazon. Prima di utilizzarli li ho spianati tutti su carta vetrata grana 120 incollata su una lastra di vetro. Di carta ne ho consumata tantissima perché dopo poche passate non limavano più (su quel metallo c'erano dei solchi che parevano piste di atterraggio   )

Per l'affilatura degli scalpelli mi sto attrezzando.

Questo è il risultato ottenuto finora

 scalpello_base_1

Ci ho provato in tutti i modi ma non sono riuscito a fare una foto del bisello (la camera non riesce a metterlo a fuoco   )

Comunque il bisello è lucidato a specchio. Credo che in parte sia colpa mia (tanto per cambiare   ), perché non riesco a far lavorare  correttamente la pietra. Forse non la lascio immersa in acqua abbastanza a lungo (ho provato a lasciarla a mollo per oltre un'ora) ma lo scalpello sembra scivolare sulla pietra e si produce pochissima  limatura, quindi in pratica perdo solo tempo

Dovrei provare a rettificare la pietra ma non so come. Spianarla con un foglio di carta vetrata poggiata su una lastra di vetro potrebbe andare bene? Le pietre per rettificare le pietre costano uno sproposito e non voglio spendere altri soldi in questo: sto risparmiando per prendere una pietra diamantata (o magari due) e risolvere il problema definitivamente). Non sono sicuro che valga la pena di spendere su altre pietre ad acqua nonostante molti "professionisti dicano che sono le migliori. Stando a sentire loro ci vorrebbero almeno 500 euro solo per le pietre  
 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Mer 12 Giu, 2019 06:46 #15
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 14886

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Mi sembra di ricordare che oltre lo sketch up siano state inventate anche la carta e la matita… quindi…
basta armarsi di una matita e di un foglio di carta ed eviti di litigare con qualcosa che al momento non conosci integralmente

Siccome questo post riguarda la costruzione del banco eviterei di parlare continuamente dell'affilatura degli scalpelli e magari la rimanderei ad altro post.

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 

Vai a 1, 2, 3, 4  Successivo

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo